Chiesa Romanica di San Pietro

Stampa 
Chiesa Romanica di San Pietro Chiesa Romanica di San Pietro

Nel cimitero di Issiglio, posto in posizione piacevole e un po' distanziata dal paese, sorge la cappella di San Pietro, costruita nell'XI secolo, che (fungeva, allora), da chiesa parroc­chiale dedicata a San Pietro in Vincoli. La parrocchiale attuale è una semplice chiesa barocca, con facciata scandita da due lesene che incorniciano il portale architravato. Non si conosce con esattezza la data della sua costruzione, forse il campanile è più antico, ma la cella campanaria, come l'orologio, fu aggiunta nell'Ottocento. La chiesa parrocchiale ereditò la dedica a San Pietro in Vincoli e lasciò quella a San Pietro alla cappella cimiteriale. Essa è ad aula unica, con abside volta canonicamente ad Est, coperta da un tetto a capriate, lasciata in stato di sommo degrado per molti anni, è stata recentemente re­staurata con il rifacimento completo del tetto e il risanamento delle pareti portanti.

Gli affreschi gotici

Un inedito ciclo di affreschi gotici quattrocenteschi è stato scoperto nella chiesa. La pic­cola chiesa, di origine romanica, un'aula rettangolare absidata con soffitto a capriate, ancora assai poco nota e sinora rimasta al di fuori anche degli itinerari locali, era però stata fatta oggetto di saggi stratigrafici già alcuni anni or sono e la possibile presenza d'affreschi era stata peraltro già segnalata dal Forneris. Ma soltanto ne! 2008, i restau­ratori potevano iniziare l'opera, sotto la sorveglianza delle consorelle Soprintendenze per i Beni Architettonici ed il Paesaggio e per i Beni Storici e Artistici. È dunque emerso un ciclo di ampie dimensioni e di una certa complessità iconografica, anche se per alcune parti in condizioni non buone, e con ampie zone lacunose. Le porzioni interessate sono abside, arco trionfale e paretine annesse, ed il fianco de­stro della chiesa. L'arco trionfale è dipinto a conci alternati grigi e rossi, e contornato da un motivo decorativo quasi a guisa di piumaggio d'uccello, che racchiude le parti affrescate; nelle pareti laterali, una per parte, le figure dell'angelo annunziante e della Madonna annunziata: quest'ultima, meglio conservata, con le mani al petto, è raggiun­ta dalla colomba dello Spirito Santo sopra raggi di luce, mentre legge, posato su di un piano inclinato, il libro di Isaia. Al centro dell'arco, entro altra cornice decorata, non più visibile per cadute d'intonaco, par d'intuire fosse presento una testa di Padre Eterno. Noi registro inferiore delle paretine, a sinistra l'affresco è pressoché illeggibile, a destra è una figura di santo vescovo benedicente: se ben interpretiamo l'attributo visibile all'al­tezza della vita, che pare una testa mozzata, potrebbe trattarsi di San Dionigi; lì presso, in alto, una curiosa piccola immagine nera in foggia di diavoletto. L'intradosso dell'arco absidale ospita, entro cornici clipeate (a scudo), una serie di ri­tratti solo parzialmente visibili, ma molto espressivi, in abbigliamento moderno (profeti e sibille?); il catino mostra frammenti pittorici interpretabili come gli animali e l'angelo simboli degli evangelisti (tetramorfo], in scabro paesaggio roccioso, ed al centro una Maiestas Domini di tesa eleganza, ma in non buone condizioni. Sulla sinistra una figura femminile inginocchiata, probabilmente ancora una Vergine, e a destra altra figura par­zialmente riscattata, una Maddalena forse, ma non si può escludere un San Giovanni. Nella parte inferiore, al centro, il legno di croce colla scritta canonica, che poteva esser lo sfondo d'una Pietà. La porzione ancora sottostante reca le tracce degli apostoli posti a semicerchio, ed è in parte ancora nascosta dall'altare ivi sistemato nei secoli successivi.Nella parete laterale dell'aula è visibile, sempre entro una grande cornice decorativa della stessa foggia di quella dell'arco trionfale, una scena di grandi dimensioni, raffi­gurante una Madonna della Misericordia col mantello sostenuto da due angeli: sotto il mantello sono raffigurate, in due registri sovrapposti, ampie schiere di personaggi, sulla sinistra maschili e sulla destra femminili. Le due schiere superiori ospitano santi (si di­rebbe apostoli) e sante, quelle inferiori papa, cardinale, signori, religiosi e religiose, vale a dire i rappresentanti delle gerarchle terrene. Notevole particolarità iconografica è il fatto che tale Vergine della Misericordia è raffigurata in trono, col Bambino in braccio. Sulla sinistra di tale scena è ancor visibile l'immagine di San Pietro vescovo, titolare dell'edificio, seduto su di uno scanno e con l'attributo delle chiavi. Si tratta d'un ciclo di notevole livello stilistico e di forte interesse anche iconografico, che descrive scene icastiche (incisive) ed emotive, ove la sovrabbondanza di cartigli elegan­ti, talora forniti d'iniziale colorata, manifesta un'urgenza di comunicazione complemen­tare affidata al testo. Sostanziali sono ancora i richiami, stilistici e tematici, al mondo de­gli affreschi di stampo jaqueriano (da Giacomo Jaquerio, maggior rappresentante della pittura tardo gotica in Piemonte. Torino, 1375 circa - Torino, 1453), con altri aspetti che richiamano certi sviluppi visibili nella pittura novarese, come mostrano rimpaginazione generale e certi particolari come la Vergine col Bambino in posizione seduta, col trono a base poligonale prospettica (cicli di Novara o Casalvolone). Alcuni tratti del volto della Vergine, con le sopracciglia fortemente inarcate e lo sguardo fisso, non paiono estranei a certi esiti dei De Campo, pittori novaresi attivi tra il 1440 e il 1483. Ma il più diretto riferimento stilistico, va subito dichiarato, è quello con l'ancor inedito ci­clo scoperto nell'estate 2007 nella parrocchiale di San Giovanni di Torre Canavese, con affreschi ancora in fase di restauro, tranne le operazioni di descialbo e consolidamento già effettuate. Le connessioni con quegli affreschi, ove si leggono, nella terza volta della navata sinistra, i simboli degli evangelisti, e nella parete di fondo una Madonna della Misericordia affiancata dai santi Giacomo e Antonio abate e incoronata da Dio Padre, d'impronta ancor più jaqueriana per il dinamismo del segno gotico, gli stretti richiami tipologici ed il carattere di tutto l'apparato decorativo, sono tanto evidenti da dichiararsi a prima vista.
I volti delle due Vergini della Misericordia recano tali somiglianze tra loro, nella tipologia dei capelli e dell'aureola, negli occhi chiari, nell'arco sopracciliare dì tesa convessità, non meno che nella forma del naso e delle labbra, da recare il sigillo, se non del me­desimo maestro, certo della medesima bottega; il gesto delle braccia tese mostra lo stesso schema. Per sovrappiù, anche i due volti sbarazzini, a Torre dell'angelo reggi mantello sulla destra dell'immagine e ad Issiglio del Bambino ripetono, a un dipresso, la medesima tipologia. Per quanto possa sembrare singolare, un maestro di notevole livello artistico, al lavoro nei cantieri canavesani, e rimasto per secoli nell'ombra, si svela improvvisamente, forse per ben due volte, a distanza di meno d'un anno, in due centri vicini: ce n'è abbastanza per ripensare l'intera storia artistica della zona.

Non è peraltro detto che nella chiesa di San Pietro sia al lavoro sempre la stessa mano, anche se il tema risulta difficile, almeno per ora, da dipanare, proprio perché la leggibi­lità delle scene non è sempre buona.
Il maestro di Issiglio (e probabilmente di Torre) ha una sua maniera di sintetizzare in un'unica scena soggetti e significati diversi, giungendo ad iconografie insolite. Del tutto innovativa è quella sorta di contaminazione tra il tema della Madonna della Misericordia e quello della Madonna in trono, col Bambino reggente il cartiglio, che si ammira ad Issiglio, insieme a quell'ampio sviluppo dei personaggi, accuratamente suddivisi per registri differenti. Tali personaggi sono colti soprattutto nel loro valore simbolico, non parendo alludere ad identità precise, ed anche il grande contorno ellittico che ne taglia i bordi inferiori rinforza tale impressione. Degne di rilievo tuttavia sono l'opposizione generale tra uomini e donne e quella tra viventi e assunti in cielo, questi ultimi probabil­mente riconoscibili con attente osservazioni; nei cicli similari, solitamente i personaggi raffigurati sono ancora in vita, e solo in rari casi si è potuta ipotizzare nelle raffigurazioni del gotico cortese la simultanea presenza (almeno nella stessa schiera) di vivi e morti; insolita è anche la presenza del teschio posto tra i personaggi centrali del registro in­feriore (i viventi), e per altro verso anche la complessità dell'organizzazione delle scene del catino absidale ha una certa rilevanza.
In parallelo, anche il mantello della Vergine della Misericordia di Torre, che anche i santi Giacomo e Antonio Abate contribuiscono a sostenere, non è certo particolare icono­grafico così scontato.
Il ciclo che sembra possibile, almeno in via provvisoria, datare alla seconda metà del secolo XV, posteriormente a quello di Torre, che l'interpretazione d'una scritta sia pur frammentaria, può forse far risalire al 1444, e rispetto al quale c'è forse qualche ele­mento che testimonia d'una certa evoluzione in senso coreografico. Ci si augura possa esser in futuro possibile, sul piano filologico, giungere ad una più precisa definizione dei caratteri del pittore (o dei pittori) qui attivi, se non addirittura alla foro identificazione. Nell'ambito di un più vasto quadro storico e culturale, sarebbe inol­tre quanto mai interessante pervenire alla delineazione delle committenze che, in pieno territorio canavesano, hanno voluto e saputo introdurre questa voce nuova (almeno per quanto possiamo attualmente supporre), e risultati diversi da quelli più tipici nei centri lì intorno, tanto per lo stile, che per i temi e le scelte iconografiche. Il ciclo di Issiglio, insieme a quello di Torre, introduce nel Canavese un'impronta mag­giormente in relazione con quella che osserviamo per solito negli affreschi della parte meridionale della provincia torinese, in zona Acaia, o anche in Val di Susa, ma che co­munque costituisce, rispetto ad un avamposto come Fénis un prezioso tassello territo­riale interno, utile alla ricostruzione della cultura del Ducato Sabaudo a completamento di quell'atlante del Quattrocento nelle Alpi Occidentali, condotto per cicli omogenei, che negli ultimi anni è già stato foriero di notevoli soddisfazioni.

 

< Prec.
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 06 Aprile 2012 08:30 )
 

INFORMATIVA: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori infomazioni sui cookie utilizzati in questo sito guarda la nostra privacy policy.

Accetto l’utilizzo dei cookie su questo sito.

EU Cookie Directive